4 passi per non cadere più in soggezione


woman-975339_1920Ecco una semplice tecnica di Visualizzazione per non sentirsi più umiliati e cadere in soggezione alla presenza di capi e conoscenti notoriamente provocatori, presuntuosi, arroganti e prepotenti!

Tecnica per non cadere più in soggezione

  1. Immaginate, nel modo più vivido possibile, come se si trovasse veramente di fronte a voi, la persona che vi mette in continuazione in uno stato di soggezione.

  2. Ora immaginatela mentre fa le cose più disgustose e ridicole come, ad esempio, mettersi le dita nel naso, scoreggiare (lo so che non è il massimo dell’eleganza scrivere queste cose ma la tecnica funziona proprio per questo motivo!), ballare nella maniera più sciocca e ridicola possibile e così via.

  3. Adesso, mentre fa una o tutte le cose che avete immaginato, guardatela mentre rimpicciolisce sempre più fino alle dimensioni di un topolino. Sentite la sua voce diventare sempre più simile a uno squittio. Poi magari portate la sua figura alle dimensioni di un neonato, con indosso soltanto il pannolino, e guardatela mentre gattona intorno alle vostre gambe. Insomma, ci siamo capiti: divertitevi a immaginarla nelle situazioni più assurde.

  4. Dopo aver trascorso un bel po’ di tempo a ridere come matti a scapito di colei o colui che un tempo vi ossessionava, riportate la sua immagine alla normalità. State notando come tutta la soggezione che prima quella figura vi incuteva adesso si è fortemente alleggerita se non addirittura sparita?

Ricordate sempre ciò che dicevano gli Antichi Romani: Repetita Iuvant! Con la ripetizione tutto migliora! Quindi, come sempre, ripetete più volte la tecnica e i tizi che volevano così tanto umiliarvi e farvi sentire inferiori si sveleranno per quello che sono: degli insicuri che hanno bisogno di far inginocchiare gli altri per sentirsi più alti.

Michele Putrino

Se ti è piaciuta questa tecnica e vuoi impararne altre per migliorare le tue prestazioni nel tuo lavoro, scrivimi all’indirizzo info@micheleputrino.com. La prima sessione è gratuita.

Consiglia l'articolo