Come Funzionano le Abitudini


La maggior parte delle nostre azioni sono inconsce, cioè agiamo attraverso “programmi mentali” che ci siamo installati da soli o che ci sono stati installati da altri e che comunemente chiamiamo abitudini. Molte abitudini non solo sono sane ma sono anche necessarie: sarebbe impossibile fare tutte le cose che facciamo ogni giorno – come guidare, utilizzare il computer, giocare a tennis, ma anche solo parlare o camminare – se dovessimo ogni volta pensare a ogni singola azione. Altre abitudini, invece, sono insane (come il fumo ad esempio) e, in casi estremi, autodistruttive (come l’abuso di alcol o di droghe).

 Molte abitudini, che di per sé potrebbero risultare del tutto innocue, se lasciate agire in un contesto sbagliato potrebbero comportare non pochi problemi. Per esempio: quando si è abituati a reagire scappando di fronte a un pericolo, se si cade in acqua e non si sa nuotate la situazione viene subito classificata come “pericolo” dal nostro cervello e, ne consegue, che iniziamo ad agitarci in maniera automatica per “scappar via”. Quell’agitazione, ovviamente, ci fa sprofondare più giù, quando invece basterebbe restare calmi per rimanere a galla, magari nella famosa “posizione del morto”. Ma come si fa a “programmare” le abitudini? In realtà non è poi così difficile. Si tratta, infatti, di qualcosa che avete già fatto molte volte in passato, anche se non ve ne siete mai resi conto (altrimenti, riflettete, come sarebbe mai stato possibile far vostre delle cattive abitudini?).

Tutto passa attraverso ciò che comunichiamo a noi stessi e agli altri, che può avvenire sia a livello verbale sia a livello non-verbale (come il linguaggio del corpo ad esempio). Un software di un computer viene programmato per mezzo di ciò che gli viene comunicato dal programmatore attraverso un codice. La stessa cosa facciamo noi con la nostra mente soltanto che, invece di usare il codice binario, utilizziamo le lettere dell’alfabeto e le immagini, e invece dei programmi come Java o C++ (per chi non lo sapesse sono programmi che gli esperti usano per creare software per i computer) si utilizzano le visioni del mondo e le convinzioni (naturalmente ho semplificato all’inverosimile ma ciò che conta in questo articolo, che è di taglio ovviamente divulgativo, è cogliere il concetto).

Insomma, se prendiamo coscienza di come “funzioniamo”, abbiamo finalmente la possibilità di cambiare alcuni meccanismi che non ci piacciono e, allo stesso tempo, migliorare e perfezionare quelli che invece riteniamo positivi.

«Essere depressi è un’abitudine; essere felici è un’abitudine; e la scelta spetta a te».

Tom Hopkins

Michele Putrino

Per approfondire:

 

Disponibile per l’acquisto presso KoboAmazonLa FeltrinelliMondadori StoreLibreria RizzoliGoogle Play, Apple iTunes, IBS.

Consiglia l'articolo