Concentratevi sul Lato Positivo


In noi esiste una tendenza, molto naturale, che ci porta a concentrarci quasi sempre ed esclusivamente sulle cose che suscitano paura. Se accendiamo il televisore, facilmente ci soffermiamo a guardare le trasmissioni che parlano di tragedie, eventi violenti o catastrofi imminenti. Il motivo è molto semplice: gran parte della nostra sopravvivenza come specie è dovuta alla nostra capacità di intuire i pericoli.

Naturalmente questa “capacità”, sviluppata in milioni di anni, ci porta in maniera del tutto automatica a concentrare tutta la nostra attenzione su ciò che in qualche modo può rappresentare un pericolo per la nostra sopravvivenza. Questo modo di agire è stato quindi certamente fondamentale nell’era preistorica e, in parte, in quella storica, ma non lo è più nell’era moderna (salvo, ovviamente, quei rari casi d’improvviso pericolo per le nostre vite, che non sono di certo così comuni come lo erano in passato). Oggi, infatti, la sopravvivenza non è più assicurata dall’evitare pericoli mortali, ma dalla capacità di “fare un passo in più” creando tutto ciò che possa portare un miglioramento a noi stessi e agli altri nostri simili.

In realtà da sempre è presente negli esseri umani la “voglia di avanzare”, di “creare qualcosa di nuovo e di grande”. La differenza tra oggi e il passato è che un tempo questa “voglia” sorgeva soltanto in poche persone o, quantomeno, soltanto per pochi rappresentava un’esigenza vitale; la maggioranza si limitava semplicemente a garantire, appunto, la propria sopravvivenza. Quello che invece è successo, a partire quantomeno dal XX secolo, è che creatività e sopravvivenza sono andate a convergere. È necessario però fare una precisazione: con “sopravvivenza” ormai non s’intende più soltanto la sopravvivenza fisica, ma anche quella mentale. Tutte le persone del nostro tempo sono particolarmente sensibili alla qualità del lavoro che svolgono, sottintendo con questo il fatto che ognuno di noi, per potersi sentire soddisfatto, ha bisogno di fare qualcosa di creativo. Ed è giusto che sia così: ci stiamo evolvendo e questa evoluzione ci sprona a diventare creativi. Tutti percepiamo a livello inconscio che le cose vanno così, ma è importante rendersene conto anche consciamente perché soltanto dopo questa presa di coscienza avremo modo di poter attuare quelle particolari caratteristiche che ognuno di noi possiede e che molte persone vorranno ricevere da noi. Sì perché ognuno di noi è nato con qualcosa di speciale che soltanto lui o lei ha e di cui le altre persone hanno bisogno. Ma per poter mettere a frutto queste nostre qualità è fondamentale mettere in atto alcune importantissime azioni. Prima tra queste è certamente quella di abituare la nostra mente a guardare al lato positivo degli eventi.

Ogni cosa e ogni situazione non sono mai giuste o sbagliate di per sé: dipende sempre da come noi le vediamo e, di conseguenza, da come le sapremo sfruttare a nostro vantaggio. Certo, non è facile accettare questo modo di pensare, soprattutto se siamo coinvolti in eventi spiacevoli. Eppure dei modi per poter arrivare ad ottenere questa “visione del mondo” in maniera graduale e naturale esistono. Vediamone insieme qualcuno.

Innanzitutto è importante osservare quelle persone, pubbliche o di nostra conoscenza, che sono riuscite a trasformare in vantaggi eventi estremamente negativi; sono quelle persone che in genere dicono: “se non mi fosse capitata quella avversità non avrei mai ottenuto tutte le cose belle che ho adesso”. È fondamentale fare questo perché siamo esseri fortemente empatici, e questo significa che, riuscendo a immedesimarci facilmente nella storia di una persona, riusciamo anche a carpirne l’essenza.

Importante è anche lasciar fuori dalla nostra vita gli insuccessi del passato. Dimentichiamoli, perché non esistono più e non hanno niente a che fare con il nostro futuro, a meno che non siamo noi a rievocarli. Sapete perché dopo un brutto incidente la mente delle persone coinvolte cancella l’evento dai ricordi? È un meccanismo di difesa che serve a preservarci da immagini talmente negative che alla lunga bloccherebbero tutte le nostre azioni. Dunque non fate qualcosa di innaturale, non evocate ricordi che hanno il potere di annullarvi. Quando otterrete ciò che desiderate, guardando indietro a questi “nefasti eventi” vi sembreranno meno terribili di quanto ricordavate.

Infine è anche di vitale importanza rinunciare a ogni pettegolezzo, lamentela e facili giudizi negativi nei riguardi delle altre persone. Sono utili soltanto per alimentare una visione negativa e pessimista della vita.

Se impariamo giorno dopo giorno a vedere la vita come un qualcosa che, tramite le difficoltà, ci porta ad apprendere cose nuove e che non possono che essere utili per la nostra crescita, allora compiremo quel cambiamento di prospettiva che ci porterà a vedere come utili e forse anche belli quegli eventi che fino a poco prima consideravamo delle sventure.

Michele Putrino

Consiglia l'articolo